Intervento Strabismo

Intervento Strabismo

Correzione chirurgica dello strabismo

Le tecniche chirurgiche di intervento per lo strabismo sono molto efficaci, in quanto migliorano l’estetica e spesso anche la funzione visiva. Nei bambini affetti dallo strabismo viene spesso consigliata la soluzione chirurgica perché ha altissime possibilità di ripristino di una normale visione binoculare. Negli adulti, l’allineamento chirurgico ripristina un normale aspetto estetico, ma esistono molti altri vantaggi, come miglioramento della percezione della profondità ed eliminazione della visione doppia. Durante la correzione chirurgica dello strabismo, uno o più muscoli oculari vengono rafforzati, indeboliti o spostati in una posizione diversa, in modo da riallineare gli assi visivi.

Esami preoperatori

I test preoperatori aiutano il medico a determinare il piano chirurgico ed evidenziare quali muscoli stanno contribuendo allo strabismo, sui quali poi sarà necessario intervenire per migliorare l’allineamento delle assi oculari. Anche se lo strabismo è monolaterale spesso può rendersi necessario un intervento chirurgico correttivo in gli entrambi gli occhi per risolverlo.

La procedura: MISS

Presso il Florence Medical Center attualmente si esegue una chirurgia mini-invasiva chiamata Minimally Invasive Strabismus Surgery (MISS). È uno degli interventi più praticati per lo strabismo nel mondo.  Il medico chirurgo fa una piccolissima incisione, di pochi millimetri,  nella congiuntiva dell’occhio ed esegue una plicatura, ovvero un accorciamento del muscolo oculare causante lo strabismo, ripiegando quest’ultimo su sé stesso. In tal modo si modifica la forza con cui i muscoli muovono i bulbi oculari e si allineano gli assi visivi. Questa tecnica consente inoltre di ridurre al minimo i comuni disturbi post-operatori (dolore, gonfiore della palpebra, occhi rossi).

La maggior parte degli interventi dura meno di 1 ora. Dopo l’intervento chirurgico, con il paziente sveglio, può essere riesaminato l’allineamento degli occhi e, se necessario, possono essere effettuate le dovute regolazioni per ridurre al minimo il rischio di un eccesso di correzione o di una sottocorrezione. Questi controlli sono generalmente eseguiti il giorno stesso dell’intervento o quello successivo. In alcuni rari casi, può essere necessario più di un intervento.

Anestesia

Gli interventi per lo strabismo si eseguono in anestesia locale oppure in anestesia generale. La scelta dipende dall’età del paziente e altri fattori che saranno valutati sia dall’ Oculista che dal medico specialista in Anestesia.

Dopo l'intervento chirurgico

I bambini, di solito, sono in grado di recuperare velocemente e riprendono le loro normali attività nel giro di qualche giorno. Gli adulti non dovrebbero guidare il giorno stesso dell’intervento o il successivo, ma dopo qualche giorno possono già tornare a lavoro o a svolgere altre attività abituali.

Risultati

Un riallineamento corretto dei due occhi viene ottenuto nella maggioranza dei casi dopo un intervento, o in rari casi dopo più interventi. Fra i benefici ottenuti ci sono:

  • Miglioramento della vista e della percezione della profondità,
  • Eliminazione della diplopia (visione doppia),
  • Aumento dell’area del campo visivo,
  • Minor affaticamento visivo,
  • Prevenzione dall’occhio pigro,
  • Vantaggi estetici e di conseguenza crescita dell’autostima.

Follow-up

I pazienti operati per strabismo vengono sempre controllati il giorno successivo all’intervento, poi seguiranno una serie di controlli più diradati nel tempo e decisi dal chirurgo in base al tipo di intervento ed al tempo di guarigione. Infine, si procederà con visite a cadenza annuale.

Domande&Risposte

QUANTO DURA UN INTERVENTO DI STRABISMO?

L’intervento dura da mezz’ora a 1 ora e possono essere operati nella stessa seduta ambedue gli occhi ( nel caso dello strabismo che colpisce entrambi gli occhi).

Qual è il periodo adatto per ricorrere alla chirurgia?

Dipende, in genere si preferisce prima un periodo di riabilitazione visiva, e intorno o dopo i 6 anni di età i bambini si sottopongono all’intervento chirurgico. Per i bambini è prevista anestesia generale, e per gli adulti l’anestesia locale senza necessità ricovero.

Dopo quanto tempo è possibile tornare a lavorare in seguito all’intervento?

Tranquillamente dopo 3-4 giorni. L’occhio potrà presentare leggeri arrossamenti o lacrimazione, ma non è una controindicazione per tornare all’attività lavorativa.

Contattaci per maggiori info

per informazioni e consulti telefonici